agrumi

L’altra sera mentre ero fuori al balcone del mio B&B per una pausa prima di finire le pulzie domestiche, sento una voce chiamarmi. Nel buio riconosco la voce del mio vicino di casa, che rincasava dai lavori nei campi.
Mi dice che non trova più il libro che gli ho prestato e che vuole ricomprarmelo. Apprezzo il gesto, mi dispiaccio in cuor mio del libro perché dovevo ancora leggerlo, ma viste le sue condizioni economiche gli dico che non fa niente. Viviamo entrambi giorno dopo giorno nella più totale precarietà, ma io ho una zattera più salda della sua.  Quindi, pazienza.
Sto per rientrarare ma mi richiama, e mi chiede di scendere ad aprirgli.
Io tergiverso perché ho da fare.
Lui insiste, al che desisto.
Scendo le scale a apro il portoncino di casa e lui mi allunga una busta bella pesante.
“Li ho raccolti oggi”, mi dice.
Manadarini. O forse clementine.
Lo ringrazio di cuore, scambio altre due chiacchiere, poi saluto e torno su.

agrumi
Piccolo particolare: il mio vicino  è uno che ha occupato la casa affianco alla mia, vive senza nè acqua, nè luce nè gas. Lavora a nero nei campi. E non è manco italiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...